Dove sono le nostre forze e il tempo? 5 trappole

Le trappole mentali divorano il nostro tempo e le nostre forze, rendono insignificanti le nostre azioni, ti impediscono di andare avanti e ogni volta pensare in un modo nuovo. Per il corso per noi entriamo nella loro rete molte volte. Qual è la via d’uscita che gli psicologi offrono?

Ogni tanto, la maggior parte di noi cade in trappole psicologiche, a causa della quale siamo in vane resistenza ai rifiuti, energia e tempo, ma non lo realizziamo. Ecco perché ci troviamo in loro con una spaventosa regolarità.

Secondo lo psicologo dell’Università di Toronto Andre Kukla, è improbabile che il cittadino adulto medio del 21 ° secolo sia libero da loro per più di qualche minuto di fila! Entro la fine della giornata, l’effetto totale di tali episodi porta al fatto che ci sentiamo completamente esausti.

Stiamo parlando dei soliti modelli improduttivi del nostro pensiero. Perché ci stiamo bloccati in tutto il tempo? Andre Doll chiama tre motivi:

  1. Spesso non ci rendiamo conto di cosa stiamo pensando;A volte siamo immersi in un flusso tempestoso di pensieri, senza accorgersene nessuno.
  2. Anche se riconosciamo il contenuto dei nostri pensieri, non capiamo la loro natura dannosa.
  3. Anche se siamo a conoscenza del loro danno, non possiamo ancora fermarci a causa dell’abitudine.

Di conseguenza, puoi sbarazzarti del potere delle trappole mentali imparando a riconoscere questi schemi realizzando la loro insignificità e cambiando le tue abitudini. Ecco cinque trappole mentali comuni.

1. Persistenza

Questa è una continuazione del lavoro su ciò che ha già perso il suo valore. Perdiamo solo il pulsante “Off” sul nostro telecomando interiore. Ad esempio, abbiamo iniziato a leggere il libro e presto ci siamo resi conto che non è interessante per noi – tuttavia, continuiamo ostinatamente a leggerlo, sbadigliando dalla noia o maledizioni in irritazione.

Allo stesso modo, manteniamo le relazioni che hanno delineato a lungo, facciamo affari di routine che solo sovraccaricano o limitano la nostra vita. Perché è difficile per noi abbandonare a metà strada anche un’attività ovviamente folle?

Forse il caso è: dopo tutto, la nostra cultura considera qualsiasi perseveranza come virtù. E anche nel potere di un’abitudine che ci fa sostenere lo status quo.

Tuttavia, in questi casi, il nostro bisogno interno di continuare o finire ciò che è iniziato è insignificante. Gettiamo solo il prezioso orologio della nostra vita nel vento. Ma se ci fermammo e ci chiedessimo se vogliamo seguire questo corso, la risposta sarebbe ovvia: no.

2. Amplificazione

In questa trappola, ci troviamo quando facciamo più sforzi per raggiungere l’obiettivo del necessario: provamo il parlato così tante volte che le nostre stesse parole iniziano a sembrare noiose e insignificanti per noi;Nella preparazione del rapporto, guardiamo così tante fonti che non aggiungono più nulla di nuovo per noi, ma non possiamo fermarci;Quando prendiamo una decisione, consultiamo dieci persone. In

Salire su uno o due gradini delle scale per stare con lui al livello desiderato. Assicurati solo che non si romperà e non si muoverà durante il sesso. Non usare quel Cialis online sicuro tavolino da caffè intrecciato rapidamente coppia di viti!

senso figurato, uccidiamo la mosca con una mazza.

Non importa quanto facciamo per raggiungere l’obiettivo, ci sembra che possiamo fare di più un po ‘di più. Ma in cambio c’è una legge di riduzione. Da un certo punto, ogni ulteriore sforzo ci promuove all’obiettivo un po ‘meno del precedente.

3. Fissazione

Se fisso, il nostro progresso all’obiettivo è bloccato. Supponiamo di aver già fissato il tavolo per ricevere gli ospiti, ma altri due ore prima del loro arrivo. E continuiamo a fare ciò che non richiede la nostra attenzione, nella seconda e terza volta controllando se tutto è pronto a ricevere.

Oppure immaginiamo come arrivano gli ospiti, seguiamo le mani dell’orologio, misurando il tempo in cui possiamo correre e agitare di nuovo. Cioè, non siamo in grado di fare un’altra questione, perché siamo impegnati con un’aspettativa vuota.